Clicca sull’immagine
per
guardare il video

Riccardo Giubilei

Lo sport è sempre stato il punto di equilibrio della mia vita, in ogni momento ha scandito le ore più belle dei pomeriggi di studio tra il liceo classico e le lezione al Conservatorio, dall’Università di Giurisprudenza di Perugia, fra un esame di diritto e l’altro, ai master alla Luiss fino ai primi impegni importanti di lavoro tra Roma e Bruxelles.

Ho conosciuto il Triathlon dieci anni fa ed è stato amore a prima vista. Da anni ormai detta le ore della mia giornata, prima da Age Group appassionato, poi da dirigente del Terni Triathlon, quindi da Delegato FITRI dell’Umbria, da organizzatore di gare, da accompagnatore del settore giovanile, da padre di un ragazzo ed una bambina ormai rapiti da questa splendida disciplina, da Consigliere Federale, da Presidente della I Commissione Age Group ed infine da Vice Presidente della Federazione. In questi anni il Triathlon mi ha dato tanto: il minimo che potessi fare era accettare la richiesta di tanti amici di tutti i territori di candidarmi alla Presidenza della Federazione. Ho avuto modo di conoscere, girando tutta l’Italia del Triathlon, tanti punti di riferimento di una Comunità generosa che non vede l’ora di essere coinvolta, puntando sul merito, il lavoro, la competenza e la visione; ho incontrato tanti tecnici preparati ed appassionati dirigenti che, senza clamore, giorno dopo giorno combattono le proprie sfide, facendo crescere questa nostra splendida Comunità. E’ da loro che dobbiamo ripartire, dal loro amore per uno sport che ci ha conquistati, che prende tanto ma che ci dà ancora di più.

Si è ormai chiuso un ciclo e sta a noi lanciare la sfida per tracciare la Federazione del futuro, con la testa rivolta ai nuovi traguardi, partendo dal gioco di squadra e rimettendo al centro gli atleti, i tecnici, le Società ed i Territori. Se sapremo puntare al merito, con equilibrio e visione, i risultati verranno e potremo finalmente occupare il posto che meritiamo fra le federazioni europee e mondiali, dando il giusto impulso ad un mondo dalle mille potenzialità.

Quello che vi propongo è un patto per puntare su di noi, sulle nostre conoscenze, sulla passione, sulla visione della Federazione che vogliamo e sul lavoro quotidiano che è alla base di ogni traguardo. Un passo alla volta, insieme, sapremo realizzare la Federazione di tutti.